Conferenza di Paolo Bolpagni dedicata ai grandi protagonisti dell’arte contemporanea che hanno collaborato con COLOPHONARTE – Domenica 19 luglio nei giardini di Palazzo Cominelli

DOMENICA 19 LUGLIO
ORE 10.45

Colophon. Sguardi sugli sviluppi dell’arte contemporanea
Conferenza di PAOLO BOLPAGNI

Nell’ambito della mostra Nascosti intrecci. Lo sguardo di un editore, la Fondazione Raffaele Cominelli organizza nella mattinata di domenica 19 luglio nei giardini di Palazzo Cominelli una conversazione dedicata ai grandi protagonisti dell’arte contemporanea che hanno collaborato nel corso degli ultimi trent’anni con la casa editrice bellunese fondata da Egidio Fiorin.
Le edizioni d’arte Colophon sovrappongono, contaminano e fanno dialogare poesia e arte in un’unica opera. I libri divengono così vere e propri scrigni d’arte che raccolgono i nomi eccellenti della cultura europea. Dagli anni 80 Egidio Fiorin è riuscito a coinvolgere tra i tanti, nelle sue iniziative editoriali, artisti come Enrico Castellani, Agostino Bonalumi, Piero Dorazio, Getulio Alviani e Franco Fontana.
Elemento unificante tra le diverse pubblicazioni è la cura e l’eleganza che queste vere e proprie opere d’arte esibiscono; la scelta della carta fatta a mano, la stampa al torchio, le incisioni numerate, le tirature ridotte, sono tutti elementi che rendono questi libri oggetti di particolare pregio, oggi conosciuti e ricercati in tutto il mondo, tanto da essere stati esposti al MOMA di New York e alla Peggy Guggenheim Collection di Venezia.

La conferenza si inserisce nel programma 2015 “Aperitivi con le Muse” giunto alla sesta edizione,che la Fondazione Raffaele Cominelli organizza ogni domenica mattina nei mesi di luglio e agosto, proponendo al pubblico diversi appuntamenti culturali: dai concerti, alle presentazioni editoriali alle conferenze.

Al termine della conferenza verra’ offerto un aperitivo degustazione.

Precedente NASCOSTI INTRECCI: lo sguardo di un editore - dal 20 giugno al 23 agosto Successivo François Morellet pour C I N Q B A L L A D E S de François Villon